martedì 10 gennaio 2012

Chi è Normanna?


Normanna Albertini è nata a Gombio, nel comune di Ciano d’Enza (oggiCanossa), nel 1956. Insegnante presso il Centro Territoriale Permanente –Educazione agli adulti, vive e lavora a Castelnovo ne’ Monti. Impegnata permolti anni nell’associazione di solidarietà internazionale Rete RadièResch, scrive per Tuttomontagna, mensile dell’Appennino emilianodi cui è redattrice. Ha curato, nel 1999, il libro di Roberta Mailli, “A lumedi candela”, edito dalla parrocchia di Felina, che raccoglie la corrispondenzatra Roberta, infermiera volontaria in Madagascar, e gli alunni delle sue classielementari. Vari suoi interventi e articoli sono presenti nel volume: “Viverein montagna si può?” Atti del convegno ecclesiale della montagna, giugno 2002 -giugno 2003 / a cura di monsignor Giovanni Costi. Ha pubblicato nel 2000, con i colleghi insegnanti, il libro “Il gatto nel piatto” frutto di una ricerca etnologicacon i bambini e i nonni. Ha pubblicato nel 2004 il romanzo Shemal (Chimientieditore – Taranto) e nel 2006 il romanzoIsabella, sempre edito da Chimienti. Nel 2007 ha partecipato alla progettazione e realizzazione della mostra “Sguardi dal mondo, storie di donne in cammino” : 
Ha pubblicato con Prospettivaeditrice, nel 2009, il romanzo “Pietrodei colori” e, nel 2011, il saggio “Pietroda Talada – Un pittore del Quattrocento in Garfagnana” con Garfagnanaeditrice. Nel 2010, havinto il primo premio del concorso letterario “Garfagnana in giallo” con ilracconto “Blu, nocciola e verde pisello” e si è classificata terza al Premio nazionale Carver per la letteratura con il romanzo “Isabella” nel 2011. Ancora a novembre 2011 è risultata tra i primi dieci al concorso “Garfagnana in giallo” entrando nell’antologia con ilracconto “La signorina e monsieur Passpartout”. Un suo saggio è presente nel testo universitario “Fuori dal silenzio. Volti e pensieri dei figlidell'immigrazione” di Genovese Antonio; Zannoni Federico; Filippini Federica, Ed. CLUEB (collana Heuresis. Scienze dell'educazione).
Nel 2012 ha pubblicato “Sulle spalle delle donne - Memorie di una bambina di campagna” e un saggio storico nel “Compendio della vita di San Pellegrino”. Nel 2014 ha scritto nella raccolta di racconti a più mani “Nove galline e un gallo” e ha pubblicato il libro di racconti “Il sapere piccolo”. Partecipa anche ai “Racconti emiliani”. A gennaio 2015, con il romanzo “Come spicchio di melagrana” ha vinto il premio nazionale “Silvio D’Arzo”.

Nessun commento:

Posta un commento